Curiosity about the world of Sexy Dolls

Donne e Dolls

La preoccupazione è Donna 

I sex toys

Si potrebbe dire che questo titolo sia volutamente provocatorio: in realtà la progressione geometrica con cui la tecnologia ha investito il campo delle Sexy Dolls ha creato una certa perturbazione nell’universo femminile. 

Il “gentil sesso” è da tempo immemore (e in larga parte) più orientato verso l’amore romantico alla Via col Vento piuttosto che verso YouPorn, ma con questo non escludiamo che la rivoluzione femminista abbia liberato il pensiero delle donne al punto da favorire  argomentazioni più serene nel dibattito sulle Real Dolls. 

Il punto cruciale è rappresentato dal fatto che la donna sembri perdere stima di un uomo appassionato di pornografia, o semplicemente dedito all’uso una tantum di oggetti di soddisfazione sessuale. 

Da una parte perchè la società femminista ha spinto moltissimo le donne a cercare appagamento personale senza dover dipendere dall’uomo, dando il “LA” all’industria dei sex toys per la produzione su larga scala di oggetti dedicati all’universo dell’orgasmo femminile: dall’altra perchè, paradossalmente, un uomo che non sia in grado di sedurre una donna e portarsela a letto non è degno di sufficiente ammirazione. 

In entrambi i casi si crea una voragine di incomprensione tra donne e uomini, dove mentre le donne sono tacitamente autorizzate a stimolarsi con qualsiasi tipo di supporto (vibrante e non), gli uomini devono solamente concentrarsi a risvegliare l’ormone femminile attraverso l’applicazione di tecniche seduttive raffinatissime. 

Quindi la donna si preoccupa moltissimo se l’uomo si diverte con un sex toy, mentre invece l’universo sessuale maschile è fatto anche di sperimentazione, oltre che appagamento immediato. 

La contraddizione

Ad un uomo fa piacere sedurre una donna, ne aumenta la virilità, la confidenza e l’autostima, ma il sesso ha centinaia di variabili indefinite per ogni singolo essere umano: la sola curiositá per un nuovo argomento non è quindi da biasimare a prescindere. 

In ogni caso sono sorte diverse polemiche relative ai risvolti socio-psicologici che investirebbero l’uso delle sexy dolls da parte del genere maschile (senza dimenticare che c’è la variante femminile, la male doll), qualificando questa condotta come aberrante e innaturale: di sicuro non c’è nulla di naturale nell’usare sessualmente un giocattolo, ma stiamo appunto parlando di questo.  

Un giocattolo di silicone. 

Da alcuni punti di vista si potrebbe arrivare all’estrema interpretazione della violenza simbolica, l’eventuale anticamera di un disturbo sociale, di carenze comportamentali e di altre letture psicologiche borderline: ma perchè non pensare semplicemente che un oggetto semi-reale possa in qualche modo aiutare a superare paure, timidezza ed essere un tramite verso un vero rapporto di coppia più appagante? 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *